lunedì 14 febbraio 2011

Il brand manager e il "già visto"

Negli ultimi 50 anni cervelluti analisti, manager e comunicatori si sono arrovellati intorno a ogni sorta di favella, tutti uniti nel nome del medesimo nobile obiettivo: vendere più flaconcini colorati. Una volta si trattava solo di vendere flaconcini colorati. 
Poi a qualcuno venne l’avida e insana idea di venderne di più. Così furono partoriti il testimonial, il flash promozionale e la nonnina ACE che ostenta lenzuola bianche che più bianche non si può con autentica italica fierezza. A quel punto non si trattava più di vendere flaconcini colorati contenenti shampoo, sapone o detersivo, ma di dispensare pulizia, purezza, delicatezza, protezione, lucentezza e altre potentissime categorie dell’anima mediante pratico misurino trasparente o dispenser a pompetta. 
La redenzione formato 25 lavaggi a quattro soldi o poco più (ma oggi con un’offerta imperdibile: 30% di sconto sulla confezione doppia!*[1]). 
Quale madre esporrà al severo vaglio della suocera impietosa il suo intero progetto educativo, solo perché non ha lavato a dovere la tovaglia della domenica? Quale imprudente fanciulla metterebbe a repentaglio le tenere carezze del suo amato, solo perchè non ha capelli lisci come seta? 
Non importa se ti senti pragmatica, tradizionalista, ossessiva, pigra, sexy, ambientalista. Che tu punti all’efficacia o al risparmio, che tu desideri capelli lisci o ricci, chiunque tu sia, alcuni cervelluti da qualche parte del mondo negli ultimi 50 anni hanno già inventato il flaconcino colorato che fa per te. 
Da qui nasce una certa frustrazione legata all’immobilità del marketeer. Quella spiacevole sensazione che tutto sia già stato detto, già fatto.. già visto.



[1]              *Riferito al prezzo al rivenditore.

2 commenti:

  1. Super challenge legale. Se non metti subito riferito al prezzo suggerito al pubblico ti faccio rimuovere l'articolo e fare ammenda on-air...
    Se proprio vuoi un P3M Nielsen Average Price, non mollo di un altro cm...

    RispondiElimina
  2. Attenzione! Challenge legale sulla confezione doppia di redenzione: chi è il competitor?

    RispondiElimina