mercoledì 11 maggio 2011

Il brand manager e il sesso

Sesso, poche palle. Niente farfalle nello stomaco, ti amo, pucci pucci e compagnia danzante. Zero smancerie. I sentimenti sono roba da gente normale, non fanno per il brand manager. Il marketeer ha obiettivi, strategie, piani, azioni e una calcolatrice con due decimali per misurare i kpi.

Obiettivo: rimorchiare Arendì, la riccia e sviluppatissima collega bionda Danese in trasferta a Milano per due giorni.

Strategia: differenziazione del brand (manager): sorprendere. Divertente e interessato, ma non insistente o appiccicoso. Insomma, non il solito molesto polipone italiano. Uno che non si lascia inquadrare facilmente nella squadrata montatura degli occhiali da brand manager. Lavora nel business ma s'interessa di cinema e fumetti, conosce i prezzi delle merendine ma anche i vitigni piemontesi, viaggia per lavoro e per divertimento. Soprattutto sa mettere a proprio agio e far divertire. E in viaggio di lavoro sembra così strano...

Media:  intensity. Assolutamente NO share of voice leadership. Lasciare che i competitors bombardino lungamente il target in tutta la loro dirompente tediosità, per poi intervenire in maniera incisiva solo nei momenti giusti. Campagna di comunicazione integrata:
1) Mail di lavoro: lievi seppur professionali. Timing: da 1 mese prima dell'incontro
2) Telefonate di lavoro: brillanti senza esagerare. Toccano temi extra professionali. Tono di voce a tratti malizioso. Timing: da 2 settimane prima dell'incontro ( non più di 2 a settimana).
3) contatto facebook: FB è un potente strumento di posizionamento del brand. Chiedere il contatto FB con una scusa qualsiasi (es: "non riesco a scaricare delle foto di lavoro, magari dal tuo profilo FB...". Timing: 1 settimana prima dell'incontro.
4) SMS: già, le hai chiesto il numero di cell con una scusa il giorno prima dell'incontro. "Non si sa mai, in caso di urgenza su quel progetto XY...". Qualche ironico messaggino durante il soporifero meeting sui nuovi processi di gestione del Bla-Bla aiuta a creare complicità e tiene alta l'attenzione.
5) Vis-a-vis: a cena è fondamentale aggiudicarsi il posto affianco ad Arendì. Siamo prossimi al momento dell'acquisto. Il posizionamento a scaffale è chiave per favorire la presa. I competitors vanno relegati in posizioni spiacevolmente scomode. Ogni mezzo è lecito.

Promo: dopo cena fuori e poi a bere qualcosa. Push irresistibile, è il momento decisivo: overfill alcolico a tradimento per favorire l'atto d'acquisto. C'è un importante vantaggio di prezzo per la consumatrice (di gin lemon): pago io.

La strategia è impeccabile, l'esecuzione non fa una piega. Salvo un piccolo particolare imprevisto: il lancio del competitor! Mi assento quell'attimo fatale e, al mio ritorno (dal bagno), vedo Arendì alcolizzata come una spugna aggrappata a Fottistos, un capocanale greco anche lui in trasferta con cui si dirige a prendere un taxi. Sul quale salgono entrambi. Insieme.

Poi dicono l'esecuzione, alle volte...

4 commenti:

  1. Post Impeccabile!

    RispondiElimina
  2. suggerisco una altra applicazione del tema in oggetto, che mi hai fatto ricordare leggendoti:
    Un uso piu' "business oriented" del tema trattato:
    L'episodio e' questo:
    Meeting di divisione in location suggestiva nel cuore del mediterraneo: tutti i paesi della zona coinvolti, piu' l'HQ di divisione.
    Periodo di possibili ribaltoni organizzativi e gossip imperante stile film di fantozzi ("zoff di testa su calcio d'angolo..").
    Un tizio (straniero) si vocifera possa essere (ma si', e' lui..) il nuovo impalmato a un super ruolo di divisione da cui decisioni su altri ruoli dipenderebbero...
    Per tutta la serata assistiamo all'accerchiamento dello sventurato da parte di due avvenenti colleghe italiane (livello medio alto, gia' dirigenti).
    Sin dall'aperitivo, e per tutta la cena, le suddette due signore (sposate entrambe, e con un dress code tipo "cocktail a St. Tropez" encomiabile, ma fuori luogo per l'occasione) cinguettano vezzose intorno al tizio, senza MAI mollarlo, coinvolgendolo in ogni sorta di chiacchiere, sia relative alle bellezze del luogo di origine del tizio (alle due probabilmente sconosciuto), o dell'italia, enogastronomia varia.. addirittura calcio !!!
    A piu' riprese esse procacciano anche prosecchi e cocktail al presunto top manager.. cosa che probabilmente in vita loro non hanno nemmeno mai considerato come un evento possibile da parte loro, use a ogni sorta di privilegio dai propri lacche'.
    Profluvio di risate fragorose e argentine a ogni parola profferita dal soggetto, in un inglese stentato e sommario,contornato da goffa gestualita' mediterranea.
    Ora, l'apparenza del tizio e' piu' o meno quella di un pastore greco delle montagne: bassetto, tozzo, sui cinquanta, capelli nerissimi che quasi si ricongiungono con le sopracciglia cespugliose, baffo alla Maurizio Merli, spezzato e camicia in ogni sorta di tono di marrone, beige e verde, borsello tipo tramviere (!!!). Insomma.. direttamente catapultato da un film tipo "milano spara, la polizia risponde".
    Si aggiunga che fuma come un turco sigarette davvero nauseabonde.. la qual cosa se fatta da uno qualsiasi di noi in presenza delle "principesse" avrebbe dato origine a garbati quanto perentori inviti a desistere immediatamente.
    A disagio da tanta attenzione da parte di due belle manager italiane, ma anche lusingato e forse tronfio di questa inatteso rigurgito del suo sex appeal, che pensava sopito ormai da un ventennio di alimentazione scorretta, orari sbagliati e routine quotidiana, quando ormai siamo al sorbettino al limone, egli, portati a casa numerosi inviti per indispensabili market visit in Italia, fa l'errore fondamentale: fa un riferimento per la prima volta PRECISO al suo mestiere: capo-tecnico di linea di confezionamento !!
    Almeno due livelli sotto le principesse !!! che, incrociando lo sguardo bistrato, senza profferir parola realizzano l'increscioso errore di persona su cui hanno investito l'intera serata.
    Il finale della storia, con l'evaporazione istantanea delle leggiadre, lo immaginate. Chiudo solo con l'immagine fotografica del nostro eroe, all'1.30 di notte, che contempla un po' alticcio le colline da bordo piscina.. nel silenzio del resort rotto ormai solo dal frinire delle cicale.. in assoluta, ineluttabile solitudine.

    RispondiElimina
  3. un omaggio doveroso a un grande del polizziottesco all'italiana: http://i47.tinypic.com/122ynux.jpg

    ma soprattutto spero che le due signore, dopo tanto tempo, ci stiano leggendo stasera.
    Fatevi vive!

    Almeno il capo tecnico di linea...

    RispondiElimina
  4. dubito molto in tutti e tre i casi... le due non erano markettare...

    RispondiElimina