lunedì 30 aprile 2012

Marketing Basics N°3: il Piano

Meeting Pre-Piano
Direttore Marketing: "Signori, ho voluto raccogliervi tutti qui oggi perchè sia ben chiaro che quest'anno non potete limitarvi a copiare i Piani dell'anno scorso cambiando due numeri e le date come fate di solito. Quest'anno dobbiamo ricominciare dalle basi: SWAT, obiettivi, strategie, tattiche, budget, mercato, finanziari. Da ognuno di voi mi aspetto il massimo."
Junior Brand Manager: "Capo, credo si scriva SWOT, non SWAT."
DM: "Ecco. Io ti do la Vision e tu ti perdi nei dettagli. Chissenefrega di come si scrive SWAT, l'importante è il concetto. In questa chart potete vedere i budget allocati sui vostri brand per il 2013 e in quest'altra gli obiettivi di crescita suddivisi per marca."
Senior Brand Manager: "Ma, capo come faccio a crescere +10% con un mercato che fa -10% e un taglio budget del 20%!?"
DM: "Lo sapevo che qualcuno l'avrebbe chiesto. Questa domanda mi serve come esempio. E' l'esempio di un approccio negativo che proprio non va ragazzi! Insomma, siamo manager. Dobbiamo saper gestire le nostre risorse per raggiungere i nostri obiettivi."

Preparazione Piano
SBM: "Ricordati quello che ha detto il boss: obiettivi, strategie e tattiche devono essere linkati da un sostanziale legame di casualità."
JBM: "Ma non aveva detto 'causalità'?"
SBM: "Vabbè... e che differenza fa? Non perderti nei dettagli."

7 commenti:

  1. Credo che tutto il problema sia nell'incapacità generale di comprendere la differenza fra causalità e casualità.

    RispondiElimina
  2. Che vuoi che sia Co'? Dettagli...

    RispondiElimina
  3. penso che LaCo abbia centrato il punto con invidiabile sintesi...

    Temo che il primo intervento dell'SBM sia espereinza comunissima a molti di noi... Va pero' capito anche il povero DMktg... sempre meno in grado di condizionare le disponibilita' di fondi e i target.. che si trova a gestire queste rimostranze... naturali ma.. senza risposta..

    in termini invece di linguaggio (ormai lo sapete, mia area di interesse...) oltre ai validissimi "SWAT" e "nesso di csualita'" vi segnalo l'insostenibile "bAllet point"...

    ciao !
    Sempre vostro
    C

    RispondiElimina
  4. il "ballet point" sarebbe il momento in cui bisogna cominciare a ballare la danza delle quote per far sì che le share vadano bene questo mese?

    RispondiElimina
  5. Fare il piano è come quei soldati a cui facevano scavare trincee per tenerli impegnati - poi gliele facevano richiudere.

    Tanto il numero è SEMPRE top-down. E guardacaso, alla fine di estenuanti e ridondanti ciarts dei juniors, il bottom-up equivale sorprendentemente ed esattamente (a meno di cento € su milioni) al fantomatico top-down che global ti ha dato senza nemmeno guardare alla pipeline di iniziative...

    SO ON.
    Tra 5 anni falliamo tutti signori.

    RispondiElimina
  6. Che verità, che verità!! E vogliamo parlare dei piani per l'headquarter che differiscono da quelli per le vendite, che differiscono da quelli per la produzione? Alla fine magari rischi pure di prenderne uno :)

    RispondiElimina
  7. il mio HQ decide quanto porto di fatturato, quindi quanto devo crescere di quota e se da il caso decidono anche quanto fará il mercato in Italia l'anno prossimo! A me resta da decidere quanto fanno i segmenti....

    della serie facciamo la strategggia

    RispondiElimina