domenica 15 luglio 2012

Il brand manager e il misterioso caso del brand sequestrato

Brando: <<Prodo, non puoi capire cosa mi è successo: mi hanno sequestrato il brand.>>
Prodo: <<Ah si certo… e ti hanno mandato un pezzo di footprint per chiedere il riscatto?>>
Brando: <<Prodo non sto scherzando. Mi hanno rapito il brand, dico sul serio. Hanno cominciato creando una pagina Facebook del mio Skrokkia-Krek due mesi fa, poi un profilo Twitter e stamattina mi hanno aperto l’account di Pinterest!>>
Prodo: <<Cosa vuoi che ti dica Brando? Complimenti, hai un’agenzia che lavora…>>
Brando: <<Ma quale agenzia Prodo!? Io qua non ho brieffato nessuna agenzia! Qualcuno che non conosco sta gestendo la mia marca sui social senza autorizzazione. La pagina Facebook la scorsa settimana ha toccato 200mila fan e il profilo Twitter cinguetta ogni giorno a più non posso. Hanno anche messo in circolazione questa specie di virale che ha fatto 500mila visualizzazioni su Youtube e ora ci mancavano solo le bacheche di Pinterest…>>
Prodo: <<Beh, 200mila fan su Facebook, 500mila visualizzazioni su Youtube, vari profili attivi… mi pare che dovresti essere solo che contento dei risultati della tua marca on-line.>>
Brando: <<Ma quale contento Prodo!? Poco fa il direttore è venuto a congratularsi molto per la pagina Facebook che gli era stata segnalata dal figlio, e mi ha chiesto un paio di modifiche sulla linea editoriale.>>
Prodo: <<E ti lamenti?>>
Brando: <<E certo che mi lamento! Che cacchio di modifiche devo fare, se non so neanche chi la cura la pagina del mio brand!? Guarda qua. Mi hanno mandato questa lettera anonima con un indirizzo mail.>>
Prodo: <<Beh, e che aspetti? C’è l’indirizzo... contattali no? Anzi, lo sai che ti dico? Che se non li contatti te, una mail gliela mando io a questi.>>

8 commenti:

  1. Il tuo vicino di scrivania sospettoso17 luglio 2012 17:19

    Mhhh, Brando, questo post è a metà tra una dicharazione di intenti e dell'advertising.......................

    RispondiElimina
  2. Caro vicino,
    spiegami meglio il motivo del tuo sospetto.
    Sono molto curioso.

    RispondiElimina
  3. La prossima mossa sarà sequestrare Brando...

    RispondiElimina
  4. Da buon vicino spesso ho l'impressione che Brando sia sulla nave dei partenti verso altri lidi che non siano i noiosissimi ambienti FMCG ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questo dev'essere probabilmente perchè hai letto una delle delle quattro puntate di Advertasia... :)

      http://badavenue.wordpress.com/2011/06/14/advertasia-puntata-pilota-di-brando-naufrago/

      Elimina
  5. Arrivo a scoppio ritardato ... ma confesso che il sequestro del brand esiste: a volte, e forse più spesso di quanto si dovrebbe, avviene in ambito internet dove il primo che arriva si può registrare un dominio con un brand per poi rivenderlo a prezzi esorbitanti.
    Certo, si può sempre fare una battaglia legale ma l'ambito internet/registrazione di domini è meno regolamentato di quanto dovrebbe e dunque si fa sempre prima a pagare il riscatto :)

    monica

    RispondiElimina
  6. Il ladro di domini è un balordo in piena regola. Ma quanto può chiedere per liberare il dominio... ?

    RispondiElimina
  7. immagino dipenda dal brand e dall'interesse economico sul progetto specifico ... da poche migliaia di euro in su direi ...
    Certo se vuoi essere sicuro che non convenga una battaglia legale conviene volare bassi, ma questa è una mia considerazione e di domini non ne ho mai sequestrati :)

    RispondiElimina