domenica 23 settembre 2012

Brando, ma cambio. Brand Jobs N°1

Cari amici,
diamo il benvenuto ad un nuovo appuntamento su brandomanago: Brand Jobs. Non si tratta di una rubrica rivolta ai fanatici della Apple, quanto piuttosto di un appuntamento a scadenza irregolare con le opportunità professionali legate al mondo delle marche.

L'idea si sviluppa in continuità col fallimento del progetto Navi Scuola. Pare infatti che, non solo Navi Scuola non sia riuscito a dissuadere i neolaureati dal candidarsi per posizioni di stage nelle multinazionali di largo consumo, ma che addirittura alcuni di questi siano stati reclutati e assunti dopo lo stage dalle suddette aziende multipaese. Naturalmente questi poveri sventurati, non appena realizzato dove sono capitati, mi hanno scritto per lamentarsi. Così ho pensato di offrire loro una via di fuga. Ecco di seguito alcune delle offerte più interessanti attualmente in circolazione nell'ambito dei brand, secondo me. Se v'interessa cliccate sulla posizione per andare alla descrizione:
                                  ===================================
Barilla Group, Parma
You will support the Branding and the Marketing Units in projecting and implementing new campaigns and new loyalties programmes on the web. Supported by a team of 2 people, you will keep monitored the contents of the Barilla Bakery brands' web sites, will be responsible of updating the social network’s pages and all the digital applications.
                                  ===================================
Bitmama, Milano
Per gestire e sviluppare i progetti digitali della nostra unit Telco&Media ricerchiamo per Milano un responsabile per il team creativo dedicato con una buona competenza verticale sviluppata in almeno 3 anni di esperienza lavorativa nel settore specifico, o contiguo, delle Utilities e/o dei Financial Services.
                                  ===================================
Project Manager
LBI, Milano
Current Company Logo
Il Project Manager, pur mantenendo costante la visione d’insieme del progetto, ha capacità di delega, spiccata capacità di analisi e sensibilità sui costi, predisposizione alla progettazione e all’implementazione di progetti, forti doti di teamworking e leadership, tutti elementi indispensabili per il percorso di crescita di questa figura e per il consolidamento del business dell’azienda.
                                  ===================================

Group Product Manager
Azienda Alimentare marchi storici, Milano Sud
Il candidato ideale possiede una laurea preferibilmente in materie economiche ed ha maturato un’esperienza complessiva di 6/7 anni all’interno di realtà multinazionali operanti nel settore Consumer Goods di cui almeno 2 anni come Group product manager o responsabile di categoria.
                                  ===================================
Se doveste venire a conoscenza di altre interessanti opportunità professionali legate al mondo delle marche, potete contattarmi al mio consueto indirizzo mail: stivenup@gmail.com

un saluto
Brando

18 commenti:

  1. Ma pensa come siamo ridotti...
    "1,010 people have clicked" per l'annuncio LBi Italy, manco fosse P&G. C'è crisi :D

    RispondiElimina
  2. Latino de Latina23 settembre 2012 21:24

    Non che in P&G si lavori un granchè bene ultimamente. Forse la cosa strana è che in P&G arrivino più di 1000 candidature al giorno, soprattutto se hanno idea di quante opportunità di assunzione aspettino gli stagisti alla fine dello stage: mala tempora currunt...

    RispondiElimina
  3. Qualcuno sa qual è l'azienda anonima a Milano sud?

    thx!

    RispondiElimina
  4. Anonimo,
    non so se tu hai informazioni diverse dalle mie, ma io ho dei feedback positivi su LBI. Invece cos'è questa P&G che dici tu? :)

    RispondiElimina
  5. Posso chiedere cosa ci faccia un'agenzia creativa web fra i brand?

    RispondiElimina
  6. Ciao LaCò,
    è che alcuni brand particolarmente lungimiranti e sperimentatori stanno facendo già del digital... ho segnalato due agenzie e due aziende per "par condicio". L'unico requisito per entrare in Brand Jobs è che si tratti di lavori nell'orbita dei brand.

    Brando

    RispondiElimina
  7. Per P&G, a meno che tu non ti sia laureato in LUISS o Bocconi in questi ultimi anni non credo che ci siano molte speranze di essere assunti.Per le altre la situazione economica italiana e mondiale rende gli stage la chiave di ingresso.Comunque Brando, ti ringrazio molto per questa tua iniziativa.Spero che diventi sempre piu' rilevante.

    RispondiElimina
  8. Grazie Brando per la risposta.
    In generale in agenzia non hanno preferenze specifiche per scuole o università ma in molti casi esigono l'inglese ottimo visto che molti cliente sono multinazionali. In questo caso, nonostante il prestigio del nome, il lavoro si ridurrà a tradurre e mettere a formato con zero libertà d'intervento rispetto al regional ed al global (voi delle multinazionali parlate così).
    Gli stagisti verranno sfruttati al massimo e non ci saranno certezze sul futuro. I pochi che sopravvivo otterranno in premio un contratto a progetto.
    Mad Man è una fiction bellissima, ma è una fiction.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "il lavoro si ridurrà a tradurre e mettere a formato con zero libertà d'intervento rispetto al regional ed al global" è spesso quello che capita anche nelle filiali commerciali delle multinazionali (local :)

      Per quanto riguarda lo stage, nella fattispecie le due offerte di agenzia sono entrambe rivolte a profili con esperienza (4/5 anni - contratto, no stage).

      Ho buoni feedback su entrambe le realtà, ma se qualcuno volesse confermarli o smentirli qui è libero di farlo.

      grazie a te
      Brando

      Elimina
  9. Leggo su Advexpress di oggi che Publicis Group ha acquistato LBI per 416 milioni di euro. Può interessare?

    RispondiElimina
  10. A qualcuno potrebbe interessare anche questo: http://beloved-brands.com/2012/09/16/how-to-get-fired-as-a-brand-manager/?goback=%2Egde_3104374_member_165278395

    a volte è meglio partire dalle basi...

    RispondiElimina
  11. Ma parli di stagisti che si lamentano e linki annunci per profili senior...

    RispondiElimina
  12. e falli cambiá 'sti poveri senior Ano'! Ma che fai? T'attacchi al cavillo!? E così mi perdi l'obiettivo e il senso dell'iniziativa...

    RispondiElimina
  13. In Italia non esistono posizioni entry level (se non stage) :(

    RispondiElimina
  14. Non ci sono più le mezze stagioni...

    RispondiElimina
  15. neolaureati con esperienza minimo 2 anni Di cui uno in aziende dello stesso settore... x stage non finalizzato all'inserimento. ottimo inglese gradita conoscenza altre lingue straniere. Conoscenza del fiammingo verrà considerata un plus. Conoscenza office/ excel in particolare cerca vert pivot e macro. familiarità con i principali strumenti di publishing. leadership, flessibilità e disponibilità a trasferimenti in italia e all'estero sono considerati un plus. apllicare ore pasti.
    ex stagista in cerca !sigh!

    RispondiElimina